Connect with us

Animalovers

Animalovers

Cane in aereo Alitalia: le regole per il viaggio a quattro zampe

cane in viaggio

Animalnews

Cane in aereo Alitalia: le regole per il viaggio a quattro zampe

Avete intenzione di prenotare un volo e portare con voi il cane in aereo? Ecco come fare con Alitalia

Viaggiare con il cane in aereo è una necessità per molti proprietari. Non soltanto in occasione delle vacanze, ma anche per chi si trasferisce in un’altra regione oppure all’estero. Come si procede in questi casi? Non tutte le compagnie aeree accettano animali a bordo o in stiva. Alitalia è una di quelle che accettano cani in aereo, o altri animali da compagnia, soltanto su determinati voli. Ecco come fare per partire in tranquillità.

Come viaggiare con il cane in aereo Alitalia

Alitalia ammette in cabina cani e altri animali di peso non superiore ai 10 Kg, trasportino compreso. Gli altri devono essere trasportati in stiva. Il trasportino per la cabina non deve superare le misure 24x40x20, mentre la gabbia per la stiva ha dimensioni diverse. La gabbia deve essere in metallo o fibra di vetro, priva di rotelle o con rotelle bloccate e essere dignitosamente comoda per l’animale. Inoltre Alitalia ricorda di inserire nella gabbia o nel trasportino una coperta e una ciotola d’acqua fissata.

Documenti necessari per viaggiare con il cane in aereo Alitalia

Non tutte le destinazioni permettono di portare il cane in aereo. Per esempio, Gran Bretagna e Irlanda non ammettono l’ingresso di animali. Per viaggiare in Unione Europea è necessario un passaporto rilasciato dal veterinario con l’elenco delle vaccinazioni effettuate e dello stato di salute. Inoltre i cani devono essere dotati di microchip o tatuaggio. Per voli all’interno dell’Italia sono sufficienti microchip e tessera sanitaria dell’animale.

Volare con il cane in aereo Alitalia: casi particolari:

  • Per volare con il cane negli Stati Uniti serve anche un certificato di vaccinazione anti-rabbica. In alternativa, è necessario ottenere un permesso online dal CDC (Centers for Diseas Controls and Preventions). Altrimenti potete rilasciare un’attestazione scritta dove dichiarate che il cane non è mai vissuto in un Paese con casi di rabbia.
  • Per il Brasile è necessario invece un certificato zoosanitario internazionale. Israele ha invece una specifica normativa al riguardo che potete trovare qui.
  • Gli animali al di sotto dei 3 mesi non possono viaggiare in aereo per disposizione governativa.
  • I cani di accompagnamento a ciechi e disabili viaggiano a titolo gratuito.

Per qualsiasi dettaglio o informazione aggiuntiva vi invitiamo comunque a contattare l’apposito call center di Alitalia 892010.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri contenuti in Animalnews




Di Tendenza

Collaborano con noi




Consigli

Facebook




Inizio