Il mastino tibetano come tante altre razze, ha poca storia documentata prima della fine del 19° secolo, ma si ritiene che sia in circolazione da molti secoli. Grazie a studi effettuati sul DNA dei mastini si è scoperto che i cani di questo tipo sono originari del Tibet di circa 5.000 anni fa, e il Mastino tibetano è considerato come il discendente più vicino alla razza originale.

In passato la razza è stata suddivisa in due rami: il Do-Khyi, che viveva nei villaggi o viaggiava con pastori nomadi e funzionava come guardiani del gregge, e il più grande Tsang-Khyi, che veniva spesso dato ai lamaserie, dove servivano da guardiani per i monaci buddisti tibetani , o lama, che vivevano lì.

Questa divisione semplicistica non è corretta, è di fatti possibile trovare Tibetan mastiffdi diverse taglie, colori e lunghezza del pelo, ma questo è dovuto all’evoluzione della razza e suddividerli in due gruppi è solo una questione di praticità occidentale.

Studiando le varie pubblicazioni online si capisce che non è possibile suddividere la razza ne tanto meno è corretto farlo. È una razza straordinariamente variegata e affascinante e forse dovremmo semplicemente accettarlo al posto di volerli etichettare a tutti i costi in stile occidentale…

Tibetan Mastif Americani I primi ad arrivare
I primio Tibetan Mastiff Arrivati in America su ordine del vicepresidente degli Stati Uniti nel 1958

I Primi resoconti sul grande cane dal Tibet

Poco si sa del mastino tibetano prima del 1800. Nel 1800, il capitano Samuel Turner menzionò l’uso di “cani enormi” nel suo libro di memorie, Un resoconto di un’ambasciata alla corte del Teshoo Lama in Tibet, ma non fornì alcuna descrizione di loro. Nel 1847, il primo cane del Tibet fu importato in Inghilterra e donato alla regina Vittoria in dono da Lord Hardinge, il viceré dell’India.

Nel 1873 si formò il Kennel Club in Inghilterra e il Mastino tibetano venne ufficialmente iscritto nel Libro degli Studenti come Mastino Tibetano, lasciandosi alle spalle il titolo precedente di “grande cane dal Tibet”. Nel 1874, il Principe di Galles, che in seguito divenne re Edoardo VII, importò altri due mastini tibetani in Inghilterra e furono mostrati nel 1875 all’Alexandra Palace Show.

Antica foto di un tibetan Mastiff con nomadi locali

I mastini tibetani continuavano a essere importati occasionalmente in Inghilterra e in Europa, e il primo club di razza del mastino tibetano si costituì nel 1931. La seconda guerra mondiale pose fine all’allevamento, e fu solo nel 1976 che gli allevatori inglesi iniziarono a importare di nuovo i cani.

La razza aveva una storia simile negli Stati Uniti. Alla fine degli anni ’50 videro due mastini tibetani consegnati al presidente degli Stati Uniti, ma i cani furono portati in una fattoria e svaniti dal controllo pubblico. Fu solo nel 1970 che diversi altri Mastini tibetani furono importati negli Stati Uniti e divennero i cani di fondazione della linea degli Stati Uniti. Il Tibetan Mastiff Club of America è stato fondato nel 1974, così come l’American Tibetan Mastiff Association.

Il primo spettacolo in cui apparvero i Mastini tibetani fu il primo incontro nazionale specializzato nell’ottobre 1979. La razza è stata riconosciuta solo recentemente dall’American Kennel Club come membro del gruppo di lavoro nel gennaio 2007. Oggi, in Tibet, è difficile trovare un mastino tibetano di razza pura, ma di tanto in tanto è possibile trovarlo in viaggio con roulotte e commercianti e a guardia del bestiame e delle case.

Prodotti: coniglio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.