Connect with us

Animalovers

Animalovers

Spitz Giapponese: carattere e aspetto del cane nuvola.

Spitz giapponese caratteristiche.

Consigli

Spitz Giapponese: carattere e aspetto del cane nuvola.

Tutto quello che c’è da sapere sul bellissimo Spitz giapponese: origini, carattere, aspetto e curiosità.

Lo Spitz giapponese è un adorabile cagnolino avvolto dal suo soffice mantello bianco. E proprio per questo è anche noto come “cane nuvola”. Il suo furbo musetto somigliante alla volpe riesce a conquistare chiunque, grandi e piccini, grazie anche allo sconfinato affetto che sa dimostrare ai padroni. È inoltre una razza di cane che ben si adatta a qualsiasi ambiente ed è particolarmente adatto alle famiglie. Vediamo ora nel dettaglio quali sono state le sue origini e proviamo a conoscerlo meglio attraverso il suo carattere e il suo aspetto.

Le origini dello Spitz giapponese

Lo Spitz giapponese ha origini non certe. Esistono infatti due versioni al riguardo. Secondo la prima, deriverebbe dal Samoiedo, di cui i giapponesi decisero di creare una variante “bonsai”. Secondo una seconda versione, sarebbe escluso ogni legame col Samoiedo ma deriverebbe invece dallo Spitz tedesco. In realtà questo peluche parrebbe aver preso alcune caratteristiche da entrambe le razze, ma la prima sembra comunque l’ipotesi più accreditata. Questa razza canina venne riconosciuta ufficialmente alla fine del secondo Dopoguerra. In Italia, purtroppo, troviamo ancora pochi allevamenti di Spitz giapponese, concentrati in Piemonte e in Liguria.

Il carattere

Il “cane nuvola” ha un carattere molto socievole. L’allegria e la vivacità sono senz’altro le qualità che più lo rappresentano. È anche affettuosissimo, sapendo dimostrare amore smisurato al proprio padrone. Tende invece ad essere riservato con le persone estranee ma non è mai aggressivo. È perfetto per una convivenza anche in appartamento, essendo un cane tendenzialmente silenzioso. Tende a farsi sentire solo se c’è un valido motivo, ad esempio per avvisare il padrone di qualcosa. È infatti un ottimo cane da guardia nonostante la piccola stazza. Un altro bellissimo aspetto del carattere dello Spitz giapponese è il suo essere giocherellone. Se lo fate giocare, infatti, avete la certezza di conquistare la sua amicizia. Questo cagnolino tra l’altro non disdegna i bambini, anzi! Ama tantissimo giocare anche con loro. Ma il suo carattere presenta anche altre sfaccettature: intelligente, sveglio e ostinato. Nel complesso, dunque, un mix di simpatia e dolcezza che sa sedurre chiunque si trovi ad avere a che fare con questo splendido amico a quattro zampe. Infine,  è un cane che si lascia addestrare facilmente, se non fosse per un piccolo particolare: non sempre ubbidisce. Un difetto che sicuramente possiamo perdonare a questa irresistibile nuvola di pelo.

L’aspetto

Bianco puro è il colore dello Spitz giapponese. Il morbidissimo pelo che lo ricopre ha una lunghezza disomogenea lungo il corpo: è infatti corto sulla fronte, sulle orecchie, sotto il garretto e davanti alle zampe anteriori. Per il resto, è folto e abbondante su tutto il corpo. Questo cagnolino si presenta come taglia media, sebbene l’abbondante pelo lo faccia apparire un pochino più grande. L’esemplare maschio arriva al massimo a 38 cm di altezza, mentre la femmina è ancora più piccola. Concentrandoci sulla testolina, non è troppo grossa, e ha il tartufo piccolo, rotondo e nero. Il muso è leggermente appuntito e le orecchie hanno una forma triangolare. Gli occhi svegli sono di colore nero. Per quanto riguarda il corpo, lo Spitz giapponese è tendenzialmente robusto ma non tozzo. La coda è di media lunghezza e contribuisce a ispirare simpatia grazie alla sua forma a pennacchio.

Particolarità

Un discorso a parte meritano alcune particolarità di questo soffice peluche. I piedi dello Spitz giapponese sono definiti “da gatto”, avendo una forma rotondeggiante e avendo al di sotto cuscinetti spessi e neri che richiamano proprio quelli dei gatti. Grazie a questa caratteristica, il nostro cane “nuvola” riesce ad avere un passo veloce e molto attivo. Un’altra peculiarità dell’aspetto riguarda infine il pelo. Questa razza di Spitz muta il pelo almeno una volta all’anno. La femmina però, nel periodo di allattamento o quando è in calore, può cambiare nuovamente il pelo. Il periodo di muta dura di solito un mese.

Lasciamoci allora conquistare da questo favoloso amico peloso!

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri contenuti in Consigli




Di Tendenza

Collaborano con noi




Consigli

Facebook




Inizio