Connect with us

Animalovers

Animalovers

Annunci cuccioli di cane sul web: frode a Prato

cucciolo di Barboncino marrone

Animalnews

Annunci cuccioli di cane sul web: frode a Prato

Vendita illecita di cuccioli di cane a Prato. Cane malato spacciato per cucciolo di Barboncino Toy

Comprare cuccioli di cane sul web può rivelarsi molto rischioso. Lo ha scoperto un acquirente di Prato che, a poche ore dall’acquisto, ha visto morire il suo cane venduto come cucciolo di Barboncino Toy. In realtà non solo non si trattava di un cane di razza ma era anche gravemente malato e a niente è servito l’intervento del veterinario. È il triste epilogo di una vendita illegale che ha portato all’arresto di quattro italiani. Ecco come si sono svolti i fatti.

L’annuncio frode sul web e la strana consegna

Aveva acquistato un cucciolo di Barboncino Toy rispondendo ad un annuncio sul web. Gli è stato consegnato al casello autostradale, privo di pedegree e di microchip. Sul libretto sanitario non figurava il timbro del veterinario responsabile e l’età dichiarata non era quella reale. Non solo: il cucciolo di Barboncino non corrispondeva agli standard di razza né per colore né per dimensioni. Tutti fattori che, insieme al pagamento di 450€ in contanti senza ricevuta, hanno ovviamente insospettito l’acquirente.

Il cucciolo di Barboncino acquistato è morto dopo poche ore

La brutta sorpresa è arrivata dopo poche ore dall’acquisto del cane. Il cucciolo di Barboncino si è sentito male e a niente è valso l’aiuto tempestivo del veterinario. Il cane presentava un’infestazione da coccidi e ascaridi e la sua salute era molto compromessa. Inoltre il veterinario ha potuto constatare la non corrispondenza del cucciolo con la razza dichiarata dal venditore e la totale assenza di microchip e vaccini. Purtroppo, nonostante le cure, il cucciolo è morto.

Le indagini e le denunce: trovati i responsabili

L’acquirente ha denunciato il fatto alla Polizia della provincia di Prato che è riuscita a risalire ai venditori. Si tratta di quattro italiani non residenti in Toscana che trafficavano cani senza vaccini e in condizioni di salute precarie. Adesso dovranno rispondere di frode in commercio, maltrattamento e uccisione di animali, concorso in reato e traffico illecito di animali da compagnia. Ingannavano i clienti con annunci falsi di cuccioli di razza pubblicati sul web.

Acquisto cuccioli di cane: occhio alla frode

Come ha ripetuto il comandante della Polizia, Michele Pellegrini, purtroppo questi casi sono frequenti. La vendita illegale di cani su Internet è un’attività molto diffusa e cadere nella rete è più facile di quanto si creda. Per questo quando si desidera un cucciolo o un cane adulto ci si deve sempre rivolgere a persone fidate e allevamenti certificati. Soprattutto, bisogna accertarsi che il cane sia provvisto di libretto sanitario in regola e microchip. Nel caso dei cani di razza, anche il pedegree è necessario. In ogni caso ricordiamo che cani di tutte le età e dimensioni aspettano un’adozione nei canili di ogni città. Un gesto d’amore gratuito e senza secondi fini.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri contenuti in Animalnews




Di Tendenza

Collaborano con noi




Consigli

Facebook




Inizio